Ciclo Mestruale

perdite-ematiche

Ciclo Mestruale

Si intende, il complesso di manifestazione fisiologiche che appaiono periodicamente nella donna; tale ciclico fenomeno mediamente dura 28 giorni e termina con la comparsa delle mestruazioni. Queste sequenze di eventi sono il risultato di un insieme di fattori e di azioni che si verificano a diversi livelli. Si può dire, in linea generale, che l’asse encefalo-ipofisi sia il punto di partenza del ciclo: a questo livello si ha la produzione di ormoni stimolanti la funzione ovarica ( gonadotropine ) , che provocano la selezione del follicolo, la sua crescita ed infine la sua esplosione, con liberazione dell’ovocita e la formazione del corpo luteo. L’ovaia, a sua volta, in relazione allo stimolo ormonale ricevuto, secerne gli estrogeni e il progesterone. Gli ormoni secreti a questo livello agiscono su gli organi bersaglio , come la mucosa vaginale e uterina.

Tutte queste azioni favoriscono la fecondazione e tendono a creare un ambiente adatto per l’impianto dell’embrione all’interno dell’utero. Nel caso non si verifichi la fecondazione, tutti gli stadi preparativi sono in un certo senso inutili,  la mucosa uterina, già preparata e ispessita, si stacca dalla cavità uterina e viene espilsa mista a  sangue ( perdite mestruali, mestruazione ). Il ciclo mestruale normale comprende quatto fasi.

Nella prima, cioè nella fase follicolare, l’ipofisi, alla fine delle mestruazioni, secerne due ormoni , FSH e LH. Il primo è responsabile della crescita del follicolo ( Follicle Stimulating Hormone ), il secondo (LH) , agisce sinergicamente con il primo stimolando la crescita delle cellule follicolari provocando la secrezione degli estrogeni. Questi, a loro volta, permettono alla mucosa uterina ( endometrio ) di rigenerarsi dopo le mestruazioni per raggiungere rapidamente uno spessore che, verso il quarto giorno del ciclo, è di circa 3 mm.

La seconda fase, l’ovulazione, è il risultato di un aumento rapido del tasso di secrezione di LH da parte dell’ipofisi: in seguito all’azione combinata di LH e FSH il follicolo si distende e si rompe permettendo la liberazione dell’ovocita. In questa fase l’endometrio appare ecograficamente con il suo classico aspetto trilaminare e con uno spessore che varia da 8 a 10 mm.

Nella fase luteinica, per azione dell’ LH ( Luteotrophic Hormone ) il corpo luteo secerne, oltre agli estrogeni, anche il progesterone: quest’ultimo agisce sulla mucosa uterina già preparata dalla fase precedente e ne provoca l’ispessimento ulteriore fino a 12 mm. Ecograficamente si perde l’aspetto trilaminare, e la mucosa uterina assume un’aspetto omogeneo. Il progesterone è inoltre responsabile dell’ aumento di circa mezzo grado temperatura corporea che si riscontra in questa fase.

Infine la quarta fase , ovvero quella della mestruazione, si verifica in assenza di fecondazione, al ventottesimo giorno del ciclo o, più esattamente, quattordici giorni dopo l’ovulazione.

Posted in Argomenti Medici.